Consulenze di parte

Il tuo vicino ti fa causa.

Sostiene che tu gli abbia distrutto il prato solo guardandolo. senza nemmeno calpestarlo. dice che secondo lui, tu hai dei poteri strani. Lavori con l’estero, sei sempre al telefono, e può darsi che tu sia una spia di quelle cattive. Hai anche una macchina ibrida che sembra un’astronave. Ti piacerebbe poter parlare con il vicino, ma il vicino  non vuole parlare con te. Quindi devi prendere un avvocato.

Ora. Che avvocato prendi?

Chiedi aiuto all’avvocato del vicino?

No, vero?

Giammai perché l’avvocato del vicino farà gli interessi del vicino, non di certo i tuoi.

Ti arriva una cartella esattoriale.

L’agenzia entrate e riscossione ti dice che vuole da te un milione di arretrati. A questo punto, scongiurato un principio di angina pectoris, cosa fai? Vai all’agenzia entrate e riscossione a chiedere aiuto? Prendi appuntamento e chiedi a chi vuole da te qualcosa che tu non ritieni di dover dare, come riuscire a non darglielo?

No, vero?

Hai deciso di comprare una macchina usata.

Trovi l’annuncio online, chatti con il proprietario e scopri che l’auto ha 30.000 km. è una passat del 1986. station.

Cosa fai? Chiedi al venditore se stia mentendo? Se abbia taroccato il conta-chilometri? Se ha fatto la MilleMiglia in retromarcia per 36 volte, l’anno?Oppure prendi il tuo meccanico, lo porti a vedere l’auto e ti fai consigliare da lui?

Chiederesti mai all’oste se è buono il suo vino?

No, vero?

Ecco. e allora perché quando cerchi casa non ti comporti con gli stessi principi? perché, quando vuoi comprare un nuovo immobile, non ti affidi a qualcuno che curi SOLO i tuoi interessi?

Là fuori, nel mondo ideale, ci sono milioni di agenti immobiliari bravissimi che sono pronti a curare i tuoi interessi e che riescono a essere super partes, tenendo conto dei bisogni di chi compra (cioè i tuoi) e di quelli di chi vende. 

Nel mondo reale gli agenti immobiliari (a parte che in tutto sono 30.000, e non milioni) la pratica è un po’ diversa.

L’agente immobiliare prende un incarico dal venditore e ha il compito di raggiungere l’obiettivo. Del venditore.

Tu scegli l’immobile e non l’agente.

Poi, per carità, puoi anche essere fortunato. Ma vuoi davvero affidare alla sorte l’acquisto di una casa nuova?

Quindi? 

Opzione A: ti accontenti, incroci le dita e speri di avere fortuna.

Opzione B: se non ne hai, cambi casa e di conseguenza agente.

Opzione C: scegli un agente che segua solo te.

Opzione D: scegli un property finder che segua te. Te e solo te. Che ti dedichi il tempo, le attenzioni e le competenze di cui hai bisogno. Che guardi te e nessun altro. Per sempre, cioè fino all’acquisto della casa che vuoi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *