Domanda e offerta nel real estate

Il mercato italiano del real estate sta attraversando un momento di transizione perché deve passare dal modello obsoleto di ieri a nuove forme di risposta per domani. Ma anche per oggi.

Chi cerca un immobile oggi è molto diverso da chi ne aveva bisogno anche solo una decina di anni fa, ma l'offerta è rimasta a grandi linee la stessa da più di mezzo secolo.

Anche se sono cambiati i mezzi di comunicazione e adesso la pubblicità si fa in rete più che con i volantini e i giornali, l'approccio degli intermediari alle soglie del primo ventennio del duemila, non è diverso da quello del dopo guerra. 

Per chi compra, lo scenario si è contemporaneamente semplificato e complicato:

  • è più semplice perché in teoria riduce i tempi: cerchi casa sul web, guardi la zona con Google Earth o il satellite di Maps, mandi un messaggio e fissi una visita senza passare dalle Poste o dai centralini di inizio secolo;
  • lo è di meno perché l'offerta è spesso confusa: rischi di trovare lo stesso immobile in decine di annunci diversi con diversi prezzi e riferimenti.

La domanda di oggi arriva da persone che hanno più competenze di ieri, ma forse meno tempo, certamente meno pazienza ed è una domanda che è cambiata non solo nella forma e nella sostanza, ma anche nella sua espressione temporale. La casa non è necessariamente per sempre perché gli esseri umani di oggi hanno meno radici, e meno paura di muoversi.

E noi, quando ci adeguiamo?

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami