… invece di arrangiarmi?

Risk uncertainty and planning a new journey as a businessman walking on a tight rope that getets tangled and shaped as a question mark as a metaphor for confusion at the road ahead as a business concept of finding solutions to change for success.

DOMANDA:

Perché dovrei scegliere un Property Finder, anziché fare da solo? Eppure sono bravo, ho X lauree, faccio un lavoro complicatissimo, sto tutto il giorno al computer, figurati se non riesco a mettermi qualche ora su Internet a cercare una casetta.

RISPOSTA:

Perché la serenità nella tua prossima casa non dipende dal numero di lauree che hai, né da quanto tempo passi al computer.

Dipende da una serie di fattori tecnici, burocratici, legislativi che a meno che tu non decida di mollare per 8 mesi lavoro-famiglia-figli-vita sociale e rinchiuderti in un monastero tibetano, è impossibile mettere in conto di studiare con serietà nel corso di una vita normale.

Ecco, allora a che serve un Property Finder:

RISPARMI TEMPO!

Un Property Finder trova la casa dei tuoi sogni in 30 giorni. Punto.

Senza appuntamenti fissati e cancellati, senza giornate di permesso dal lavoro, senza ricerche estenuanti fatte nei pochi momenti di tempo libero che sottrarrai a te stesso e alla tua famiglia.

Con un Property Finder, in trenta giorni, hai un contratto preliminare in mano.

Da solo, in trenta giorni, hai visto a malapena un paio di immobili. E se stai pensando di prenderne uno di questi due, significa che ti stai accontentando.

I RISCHI

Se si intasa il lavandino, puoi fare da solo. Se si fulmina una lampadina, puoi fare da solo. Se vuoi hackerare il telefonino di tua moglie, pure. La rete pullula di tutorial.

Ma quando si entra in una casa nuova, anzi usata, non c’è solo da cambiare lampadine, o darci dentro di sturalavandino.

C’è da controllare che l’attuale proprietario (o quelli prima di lui) non se ne stia andando per un motivo che in realtà potrebbe essere sotto le piastrelle della cucina, o dall’altra parte del pianerottolo (e non, come ti hanno detto, per una fortunata vincita al Superenalotto e conseguente trasloco alle Barbados).

C’è da controllare che nessuno provi a fare il furbo – che di furbi né è pieno il mondo.

Le fregature sono dietro l’angolo. Sempre. Ovunque. Purtroppo.

È una specie di nostro motto, è il pensiero fisso che non ci fa dormire la notte. Perché è proprio questo il nostro mestiere: accollarci le preoccupazioni. Noi ci guadagniamo la provvigione, tu la serenità.

IL RISPARMIO

DOMANDA: Come fa un property Finder a farmi risparmiare se… vuole dei soldi?

Sembra un paradosso, ma non lo è. Come sa bene chi ha acquistato una casa nell’ultimo secolo, i soldi necessari a cambiare casa non corrispondono mai alla cifra scritta nel contratto.

Specie nei primi mesi, come e più di un affitto, potranno piovere spese inattese, problemi tecnici, errori di valutazione, disastri di pianificazione.

Se spalmi tutte queste spese sul lungo periodo (tre anni va bene, cinque è meglio) noterai che sono una cifra che può arrivare dal 20% al 50% della cifra per la quale magari hai chiesto un mutuo. Quanto avresti potuto risparmiare, se solo ti fossi affidato a un professionista? Tanto, probabilmente, o quasi tutto.

Comprare un monolocale da 50 k, per poi spendere altre 20k tra impianti terrificanti, errori clamorosi, ristrutturazioni frettolose, ha davvero poco senso.

È per questo che ci siamo: qualunque sia la tua esigenza abitativa, un Property Finder può soddisfarla.

Categories:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivio Blog